Artrosi precoce: sintomi, esercizi, cure

Le malattie delle articolazioni, si manifestano soprattutto nella terza età, ma ciò non vuol dire che risparmino le fasce più giovani. Basta chiedere agli atleti over 30 e 40, spesso interessati da borsiti, tendiniti, fibromialgia, artrite ed artrosi.

A scatenare tali problematiche, che hanno carattere infiammatorio e/o degenerativo, vi sono numerosi fattori, non tutti perfettamente noti.

Saper intercettare i sintomi predittivi, tuttavia, può condurre a rapide diagnosi e trattamenti terapeutici risoluti. Questo è vero soprattutto nel caso dell’artrosi precoce, una condizione caratterizzata da dolore costante ed ingravescente, che può interessare ginocchia, gambe, anche, braccia, colonna vertebrale, mani e piedi.

Artrosi precoce, sintomi ai quali prestare attenzione

Quando le articolazioni sono sottoposte a carichi eccessivi e sforzi prolungati, possono deteriorarsi a partire dalle cartilagini. Dal momento che però, le piccole lesioni possono essere asintomatiche, bisogna prestare attenzione ad ogni minimo segno rivelatore, anche quelli più sfumati.

Il primo è sicuramente il dolore, che appare in modo insidioso e peggiora con il movimento. Seguono poi rigidità, gonfiore e rumori articolari. Nonostante le peculiarità dell’artrosi, chi ne soffre non deve rinunciare a fare movimento. Sedentarietà, obesità e sovrappeso, sono infatti elementi che ne promuovono lo sviluppo.

Come si diagnostica l’artrosi precoce?

Per diagnosticare l’artrosi precoce, il medico reumatologo esegue indagini strumentali, come radiografie, risonanze magnetiche e TAC. A volte, basta l’esisto del primo esame per poter fare una diagnosi completa, in altre si può ricorrere anche ad un prelievo ematico. Del tutto superfluo, invece, è il ricorso all’ecografia.

Quale alimentazione seguire in caso di artrosi precoce?

Come anticipato, le articolazioni soggette a stress meccanici continui, hanno una maggiore probabilità di sviluppare processi degenerativi. Quando si soffre di obesità o sovrappeso, queste probabilità aumentano inevitabilmente, poiché le giunture devono sorreggere un peso maggiore.

Per tale ragione, in caso di effettiva necessità, va seguita una dieta ipocalorica, che favorisca il calo ponderale. Bisognerà poi assumere sostanze che contrastino l’infiammazione e l’invecchiamento cellulare, esempi tipici ne sono i prodotti ricchi di acidi grassi omega-3 ed omega-6. Infine, è importante garantirsi dosi giornaliere di calcio, vitamina D e vitamina C, il cui compito è quello di proteggere sia il tessuto osseo che quello connettivo.

Integratori a base di omega 3 ed omega 6

OffertaBestseller No. 1
Equilibra Integratori Alimentari, Omega 3-6, Integratore con EPA e DHA, per la Normale Funzione Cardiaca e Cerebrale, per la Capacità Visiva Normale, 32 Capsule
  • PER LA NORMALE FUNZIONE CARDIACA: È consigliabile assumere come dose giornaliera 250 mg di EPA e di DHA per contribuire alla normale funzione cardiaca
  • CARATTERISTICHE: Il prodotto contiene inoltre olio di borragine, fonte di GLA-Omega 6
  • DA ASSUMERE QUOTIDIANAMENTE: Assumere 2-3 capsule di gelatina molle al giorno. Le capsule di gelatina molle devono essere deglutite con acqua, preferibilmente durante i pasti
OffertaBestseller No. 2
LongLife® Omega 3 6 9 | 50 perle |
  • 🏆 QUALITÀ ITALIANA: LongLife è l’azienda italiana leader nella produzione di integratori alimentari di eccellente qualità, grazie al sistema di controllo HACCP. Numerose le certificazioni ottenute tra cui la Good Manufacturing Practice - FDA, la Food Safety System Certification 22000 e la Play Sure Doping Free.
  • 🐟 INGREDIENTI DA FONTI NATURALI: la speciale formula di questo integratore di omega 3 6 9 combina diverse fonti di acidi grassi: omega 3 derivato da olio di pesce, omega 6 da olio di borragine e omega 9 da olio di lino. Nel totale l'integratore apporta per dose giornaliera (2 perle fotoprotette) 1000mg di omega 3, 615mg di omega 6 e 400mg di omega 9.
  • ❤️ BENESSERE DEL CUORE: i tre olii combinati, in particolare l'olio di pesce marino titolato in EPA e DHA, promuovono il benessere cardiaco e contribuiscono a regolarizzare la pressione sanguigna. Inoltre, favoriscono la salute cerebrale e visiva e il metabolismo dei lipidi.
OffertaBestseller No. 3
Naturando Omega 3-6-9 Integratore a base di Olio di pesce, Olio di Borragine e Olio di Semi di Lino per apporto completo Acidi Grassi Essenziali - Flacone 50 perle
  • Integratore alimentare a base di Olio di pesce, Olio di Borragine e Olio di Lino.
  • Utile per apportare una quota integrativa di acidi grassi essenziali della serie Omega 3-6-9.
  • Con Vitamina E che protegge dallo stress ossidativo
OffertaBestseller No. 4
Jamieson Biovita Srl Omega 3-6-9 Integratore di Olio di Lino, Borragine, Pesce, 80 Perle
  • non contiene zucchero, amido, glutine, sale (cloruro di sodio), lattosio
  • confezione 80 perle
OffertaBestseller No. 5
Armores Natura Integratori Alimentari, Omega 3-6-9, Integratore per il Benessere Cardiovascolare, a Base di DHA Algale, Olio di Oliva e Olio di Semi di Borragine, Vegano, 30 Softgel Vegetali
  • CERVELLO E VISTA - Integratore alimentare con Omega 3 da microalga Schizochytrium sp., con 250 mg di DHA che contribuisce al mantenimento della normale funzione cerebrale e capacità visiva
  • PLUS - Con olio di semi di Borragine, ricco in acido linoleico (Omega 6), che contribuisce alla normale funzionalità delle membrane cellulari e olio di Oliva, ricco in acido oleico (Omega 9)
  • VEGANO, PACKAGING ECOSOSTENIBILE - Vegano, Senza Glutine e Naturalmente privo di Lattosio; Composto da carta proveniente da gestione sostenibile delle foreste con confezione completamente riciclabile

Attività fisica, è davvero sicuro praticarla?

Non esistono controindicazioni all’attività fisica in chi soffre di artrosi precoce, a patto che ci si sottoponga a sforzi moderati. Questa patologia, tra l’altro, non è scatenata da un preciso tipo di sport, ma dall’intensità e dalla durata degli allenamenti.

Ovviamente, alcune discipline sono più adeguate di altre, poiché consentono il movimento muscolare con un impatto minimo sulle articolazioni. Esempi classici sono il nuoto e la corsa. È importante sottolineare che, nell’artrosi precoce le lesioni sono di lieve entità ed il riposo eccessivo è controproducente. Affinché le sostanze nutritive del liquido sinoviale possano raggiungere le cartilagini, infatti, è necessario compiere proprio del movimento.

Esercizi per le braccia, le anche, la colonna vertebrale e le ginocchia

Se l’artrosi colpisce la colonna vertebrale, le ginocchia, le braccia e le anche, si possono eseguire diversi esercizi utili. Il primo, ed anche il più semplice, consiste nella flessione dell’anca. Partendo dalla posizione supina, si deve portare il ginocchio della gamba destra (o sinistra) verso il petto, restare in posizione per 10 secondi, quindi distendere nuovamente l’arto.

Il secondo è conosciuto come flessione contro una parete e, per eseguirlo, bisogna stare in piedi di fronte ad un muro. Lentamente, si poggiano i palmi delle mani sulla superficie, si flettono i gomiti, si resta fermi per 10 secondi e si torna alla posizione di partenza.

L’ultimo esercizio, serve a rafforzare gli addominali, in modo delicato, preciso ed indolore. Si parte stando seduti, tenendo le braccia distese e la schiena dritta. Lentamente, il ginocchio della gamba prescelta deve essere portato in alto, deve restare fermo per qualche secondo e deve essere riaccompagnato alla posizione di partenza.

Esercizi mirati contro l’artrosi cervicale

I dolori cervicali affliggono qualsiasi fascia di popolazione ma, quando la causa scatenante è proprio l’artrosi cervicale, è possibile avvertire anche scricchiolii, disturbi visivi, nausea, capogiri e vertigini. La frequente remissione spontanea di questi sintomi, spesso evita il ricorso alle cure mediche e la malattia può diventare latente.

In questa fase, il deterioramento tissutale diventa asintomatico ma le riacutizzazioni sono in agguato dietro l’angolo.

Per evitarle, si possono eseguire esercizi di rotazione della testa ed allungamento del rachide. Il primo consiste nel far oscillare la testa da destra a sinistra, molto lentamente, il secondo nel farle compiere gli stessi movimenti dal basso verso l’alto. La colonna vertebrale, durante l’esecuzione degli esercizi, deve restare immobile.

Artrosi precoce, quali terapie sono davvero efficaci?

L’artrosi precoce è ormai una patologia diagnosticabile, curabile e dalla quale è possibile guarire. Viene in genere risolta con approcci conservativi e non invasivi, che mirano a ripristinare l’integrità del tessuto cartilagineo danneggiato.

Si parte infatti con cure a base di condroitin solfato, da assumere per os, che forniscono tutto il materiale biologico necessario. Se queste non fossero sufficienti, il medico può orientare il paziente verso le iniezioni di acido ialuronico, quelle di Plasma Ricco di Piastrine (PRP) e le infiltrazioni di corticosteroidi. Sfortunatamente, l’utilizzo del cortisone non sempre è indicato, poiché ha un effetto iperglicemizzante e può causare osteoporosi.

Tra le cure meno invasive, risultano infine efficaci fangoterapia e crenokinesiterapia, che attenuano le fitte, migliorano il tono muscolare e favoriscono il ripristino della funzionalità tissutale.

Prodotti per alleviare il dolore

Integratore per dolori

Crema Cannabis EXTRA FORTE

Terapia Onde d'Urto

🔥 NOVITA' 🔥 - Tecarterapia

CannabisVital Oil

Artiglio del Diavolo e Arnica forte

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono pubblicate a scopo esclusivamente informativo: non possono sostituirsi o integrare la diagnosi svolta dal medico. Tutte le informazioni non devono essere in alcun modo considerate come alternative alla diagnosi del medico curante, né tantomeno essere confuse e/o scambiate con la prescrizione di trattamenti e terapie. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. I prodotti sono recensiti a scopo informativo: non è possibile in nessun modo garantire risultati certi, le possibilità di riuscita di qualsiasi trattamento variano da paziente a paziente. Leggi il Disclaimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *