Tendinite: Pomate ed Integratori Consigliati

La tendinite è un’infiammazione che riguarda i tendini, ovvero la struttura costituita da tessuto connettivo elastico mantiene uniti muscoli e ossa. Il disturbo può essere debilitante e colpisce di frequente, spalle, mani, gomiti, polsi, ginocchia e caviglie.

Tendinite

Tendinite

Significato: che cos’è la tendinite

La tendinite si presenta successivamente a continue sollecitazioni e alterazioni degenerative che, negli anni, finiscono per creare danni strutturali al tendine partendo dalle fibre che lo compongono.

Alcuni fattori di rischio che possono portare a sviluppare questa infiammazione sono la postura scorretta, l’obesità, problemi congeniti come il ginocchio valgo e il piede piatto, sport che prevede un uso eccessivo di alcune articolazioni e gruppi muscolari (tennis, golf, corsa, danza, etc.).

Il rischio aumenta anche se sono presenti malattie sistemiche quali l’artrite reumatoide, l’ipercolesterolemia, il diabete e la gotta. Inoltre vi sono anche alcune terapie farmacologiche che possono portare a sviluppare la tendinite in varie zone del corpo.

L’infiammazione dei tendini si manifesta con forti dolori che si avvertono ogni volta che si svolge un movimento e con le palpitazioni. Se la flogosi raggiunge le guaine tendinee si può associare ad un gonfiore visibile nell’area colpita che si può avvertire anche con la palpazione.

Può accadere inoltre di notare la pelle arrossata nell’area colpita da tendinite oltre alla presenza, talvolta, di noduli che possono essere morbidi o duri, e calcificazioni. I tendini servono a dare resistenza all’osso trasmettendogli la forza creata dalla muscolatura.

 

Anche se teoricamente il disturbo infiammatorio può riguardare uno qualsiasi dei tendini presenti nel corpo, ovvero uno dei 250 distribuiti in diversi punti, la tendinite si presenta per lo più nei seguenti zone:

  • polso;

dita delle mani in particolare sul tendine del pollice dove si sviluppa la Sindrome di De Quervain;

  • gomiti, in questi casi si tratta di epicondilite o gomito del tennista che provoca dolore lungo l’avambraccio;
  • spalle dove si può sviluppare un’infiammazione della cuffia dei rotatori;
  • ginocchia, le articolazioni maggiormente sottoposte a continue sollecitazioni che possono portare a tre diversi tipi di tendinite: rotulea, poplitea e del quadricipite;
  • caviglie, la tendinite d’Achille causa un dolore acuto che si estende anche sulla pianta del piede;
  • piedi, l’infiammazione dei piedi si presenta sotto diverse forme e zone come la tendinite degli estensori delle dita.

Solitamente la tendinite non è un disturbo estremamente grave, se non in alcuni casi in cui l’infiammazione viene trascurata per troppo tempo aggravandosi coinvolgendo tendini e articolazioni con calcificazioni.

Questa situazione si traduce nella progressiva perdita di mobilità delle articolazioni del corpo che risultano infiammate portando a notevoli limitazioni e peggioramento della qualità di vita.

Cause

Le tendinopatie sono causate da diverse cause, nel 98% dei casi avvengono per un uso ripetitivo del tendine che si infiamma per sovraccarico. I tendini sani subiscono tensioni per movimenti prolungati e continuativi che provocano microtraumi fino ad arrivare all’infiammazione.

Non è sicuro che un tendine sano debba arrivare ad infiammarsi per motivi di sovraccarico, infatti solitamente è tanto forte e resistente da arrivare a lacerare il muscolo o persino l’osso che trattengono. Se invece il tendine si trova in uno stato di indebolimento dovuto a traumi ripetuti nel tempo, la resistenza cala poco per volta rendendolo vulnerabile.

I fattori di rischio per le tendiniti sono:

      • Sovraccarico, ovvero allenamenti frequenti e sempre più intensi.
      • Abbigliamento e scarpe non adatte.
      • Correre in luoghi su terreni sconnessi o molto duri, con fondo scivoloso oppure eccessivamente soffici tipo la spiaggia.
      • Esecuzione sbagliata degli esercizi.
      • Squilibrio tra la potenza dei muscoli e l’insufficiente resistenza tendinea, questo accade spesso nelle persone che utilizzano anabolizzanti steroidi.
      • Iniezione locale di corticosteroidi.
      • Ripresa troppo rapida di sport e allenamento in seguito ad un trauma.
      • Mancanza di riscaldamento muscolare e streching prima dello sport.
      • Vizio posturale.

In generale, si può dire, che le patologie del tendine si presentano in seguito ad un’attività fisica effettuata senza alcun allenamento né preparazione. Mentre per gli atleti o comunque persone allenate, può avvenire per un cambio totale e improvviso del programma di allenamento.
Per chi non fa sport, invece, la causa è da ricercare in un nuovo lavoro o in uno sforzo fisico eccessivamente impegnativo.

In altri casi può avvenire una tendinopatia per motivi patologici sistemici come artrite, colesterolo alto, insufficienza renale o gotta. Inoltre bisogna considerare anche i fattori genetici che predispongono alcune persone alla tendinite come la dismetria degli arti e i difetti di assialità.

I fattori di rischio per tendinopatie possono essere:

      • Alterazioni anomale del rachide.
      • Varismo delle ginocchia.
      • Problematiche articolari.

Le tendinite è viene favorita da un flusso sanguigno ridotto che fatica a raggiungere il tendine. Una vascolarizzazione limitata trasporta una minore quantità di ossigeno e nutrienti, questo rallenta il processo infiammatorio che potrebbe divenire cronicizzare divenendo tendinosi.

Tale situazione patologica riguarda soprattutto il tendine del muscolo sovraspinato dove vi è una minore vascolarizzazione. Lo stesso vale per l’infiammazione del tendine d’Achille, anch’esso dotato di pochi capillari.

L’età avanzata e i cambiamenti a livello ormonale, possono favorire l’insorgenza di tendinite. In particolare, gli sportivi invecchiando hanno una maggiore probabilità di sviluppare tale disturbo se riprende l’allenamento dopo un grande periodo di fermo.

Tutto ciò accade perché con gli anni i tendini e i muscoli perdono tono ed elasticità e diventano maggiormente sensibili ai traumi e, di conseguenza anche alle infiammazioni.

Sintomi

Il sintomo principe della tendinite è il dolore che viene avvertito nell’area in cui si verifica il problema e diviene più acuto quando si preme sulla zona interessata. Talvolta non si avverte nessuna sensazione dolorosa fino a che non si preme sul tendine irritato oppure quando si fa un movimento attivo o passivo che lo coinvolge.

Spesso accade che il dolore venga percepito durante l’attività sportiva sopratutto quando si inizia il riscaldamento, poi scompare e riprende al temine dell’allenamento. Questi segnali non devono essere mai trascurati.

Cosa succede se la tendinite viene trascurata?

Se si sottovaluta una tendinite e si trascura, questa può determinare una riduzione nella potenza della muscolatura collegata ai tendini lesionati oltre ad avere movimenti limitati.

Se non si interviene in tempo nel trattamento dell’infiammazione questa può divenire cronica e rischiando la rottura secondaria del tendine già sfibrato.

Migliori Pomate

Tra i prodotti che si possono utilizzare vi sono quelli creati sottoforma di pomata, di seguito alcune tipologie tra quelle più utilizzati.

Artrolux pomata: si tratta di un prodotto a base di ingredienti vegetali naturali al 100% quindi privo di controindicazioni ed effetti collaterali. La crema svolge una funzione antidolorifica ripristinando la naturale elasticità dell’articolazione e dei tendini. Elimina il gonfiore agendo direttamente sull’area in cui viene applicata con un delicato massaggio seguendo la posologia indicata sulla confezione.

La crema Artrolux è basata su una formulazione che agisce assorbendosi in modo rapido e arrivando fino in profondità svolgendo le sue funzioni rigeneranti sui tessuti delle articolazioni.

La formulazione è composta esclusivamente da ingredienti naturali bioattivi che posseggono potenti qualità curative. I 6 ingredienti principali agiscono su muscoli e articolazioni risolvendo molte problematiche e alleviando i sintomi. I principi attivi 100% naturali e di origine vegetale presenti nella crema sono:

Estratto di ippocastano che rallenta i processi degenerativi delle patologie articolari e infiammazioni tendinee. Contiene elementi essenziali per la rigenerazione del tessuto cartilagineo delle articolazioni.

Estratto di artiglio del diavolo con proprietà antinfiammatorie oltre che essere un forte antisettico. Elimina l’infiammazione a carico di tendini e articolazioni alleviando i sintomi.

Collagene marino che ripristina la presenza cartilaginea nelle articolazioni evitando lo sfregamento che porta alla tendinite.

Estratto di boswelia che possiede proprietà antinfiammatorie naturali oltre ad essere un ottino antidolorifico.

Condrotina solfato, macromolecola in grado di migliorare le funzionalità articolari conservandole a lungo. Inoltre, grazie al suo potere disinfiammante e lenitivo, la rende un ottimo alleato contro la tendinite.

Glucosamina solfato interviene mantenendo integra la cartilagine e stimolandone la rigenerazione cellulare.

Un ottimo prodotto, quindi, per risolvere il problema della tendinite.

Artrolux Crema

Arthromed crema spray: una crema spray comoda da applicare grazie al diffusore spray, un ottimo metodo per combattere i dolori dovuti alla tendinite. Inoltre riduce l’infiammazione e favorisce la guarigione del tessuto danneggiato. Un prodotto apprezzato per la capacità di agire in fretta donando un immediato sollievo migliorando la capacità motoria.

Naturalmente come in ogni prodotto, ci sono pro e contro, vediamo quali sono nello specifico per poter eseguire una scelta ponderata e consapevole.

Pro: Previene la distruzione del tessuto cartilagineo, risolve lo stato infiammatorio, il dolore scompare rapidamente, il prodotto è costituito solo da ingredienti naturali al 100%

Contro: non si trova nei negozi ma solo sul sito ufficiale del prodotto, una scelta dell’azienda produttrice per proteggere il consumatore da eventuali truffe.

Flexomed crema: la formulazione è costituita con estratti naturali al 90% che permettono di liberarsi per sempre dei dolori alle articolazioni. Le infiammazioni alle articolazioni si rivelano spesso molto fastidiose, se vengono trascurate si possono portare alla perdita della mobilità impedendo di vivere una quotidianità attiva e normale. La crema Flexomed previene di liquido, rigenera il tessuto connettivo riparando le lesioni, elimina il gonfiore e il dolore.

Gli ingredienti di Flexomed gel sono costituiti esclusivamente estratti vegetali naturali di qualità. Un’azione combinata tra i vari componenti consente di ritrovare la libertà nei movimenti con un’azione che risulta anche preventiva e curativa che combatte il dolore in modo diretto e duraturo.

Il prodotto non contiene alcuna sostanza negativa per la pelle o per il corpo infatti è privo di paraffine, parabeni, vaselina, profumo e altre sostanze nocive o di origine chimica. Gli ingredienti principali che costituiscono il prodotto sono:

– canfora;
– estratto di ippocastano;
– menta piperita;
– vitamina B1, B5 e C che rinforzano i muscoli e stimolano la rigenerazione cellulare dei tessuti.

Il composto inoltre contiene ulteriori sostanza che hanno potere vasodilatatore e analgesiche.

Migliori integratori

Per aiutare a risolvere i problemi dovuti alle tendiniti si possono utilizzare gli integratori alimentari. Tra quelli più apprezzati e conosciuti vi sono i seguenti prodotti.

Arthrolux compresse: si tratta di un integratore con formulazione naturale per la rigenerazione delle articolazioni. L’azione svolta dalle compresse di Arthrolux è concentrata sulla correzione della cartilagine presente nelle articolazioni. Inoltre rafforza la struttura tendinea e stimola la rigenerazione cellulare del tessuto articolare oltre che del collagene. Il suo utilizzo riduce sensibilmente la perdita di potassio, elimina il gonfiore e aumenta la mobilità delle articolazioni.

Artrolux è costituito da una serie di ingredienti naturali che contribuiscono ad accelerare la guarigione. Di seguito una descrizione di ogni elemento che compone il contenuto delle compresse.

Oli essenziali di mentolo e limone che hanno potere disinfiammante ed eliminano il dolore articolare agendo dall’interno e, quindi, in profondità.

Ippocastano, elimina la sgradevole sensazione di prurito che si può presentare a causa della circolazione sanguigna ridotta, inoltre è in grado di diminuire il gonfiore provocato da un trauma.

Estratto di lavanda, riesce a dissolvere le calcificazioni che possono crearsi nelle articolazioni facilitando i movimenti e diminuendo l’artrite.

Cloridrato di potassio, in grado di rigenerare i tessuti articolari che tendono a diminuire nel tempo e rinforza le ossa.

Infine, tra gli ingredienti, vi sono la Condoitina, la Glucosamina, la Polvere di perle che completano la composizione del prodotto.

Artroser: le compresse sono composte da ingredienti naturali che vengono venduti in un barattolo con tappo ermetico comodo da portare con sé ovunque, anche fuori casa. L’obiettivo è quello di alleviare i sintomi dolorosi stimolando la rigenerazione dei tessuti e della cartilagine che tende a diminuire. Inoltre consente di eliminare il liquido che si forma all’interno delle ginocchia in soli 4 giorni di trattamento, rinforza la muscolatura che circonda l’articolazione e il tendine sostenendoli nei movimenti.

Gli ingredienti di Artroser sono caratterizzati dalla purezza delle materie prime che vengono selezionate con grande attenzione ottenendo i migliori risultati come confermano i clienti soddisfatti di essersi liberati dal dolore e dai problemi della tendinite.

Le compresse contengono:

Vitamina B12 che contribuisce a risolvere gli stati infiammatori, inoltre stimola la produzione di globuli rossi e la rigenerazione delle cellule del tessuto connettivo.

Vitamina K1 e K2, essenziali per il corretto funzionamento del sistema di coagulazione. In particolare la protrombina indispensabile per evitare rischi di emorragia in caso di traumi anche se leggeri.

Vitamina D3, importante per rafforzare le ossa, regolare l’omeostasi e rendere le articolazioni più resistenti e funzionali.

Collagene, mantiene tonica la pelle, la struttura ossea e la massa muscolare.

Lisina, si tratta di un elemento molto importante per la produzione di anticorpi, per lo sviluppo di ormoni della crescita e degli enzimi. Inoltre stimola la rigenerazione di collagene naturale fondamentale per formare la cartilagine che evita l’attrito durante il movimento delle articolazioni.

Acido folico, ha la capacità di aumentare la densità delle ossa e previene le fratture tipiche della menopausa o comunque sopra i 50 anni.

Solfato di glucosamina, capace di combattere i dolori articolari. Questa sostanza è presente nell’organismo in modo naturale contribuendo alla generazione dei tendini, della cartilagine, dei legamenti e del liquido vischioso che avvolge le articolazioni.

Rimedi naturali

Per poter alleviare le infiammazioni si possono utilizzare diversi rimedi naturali, alcuni per uso topico e altri per uso interno rendendo più facile e veloce il recupero. Prima che si arrivi ad avere dolori acuti, vi sono alcuni segnali che il corpo invia per segnalare un problema fisico, questi segnali devono essere ascoltati per evitare problemi ulteriori.

La rigidità delle articolazioni e l’indolenzimento dei muscoli sono i primi sintomi da prendere in considerazione per agire fermando sul nascere la tendinite. Ci sono diversi rimedi naturali utili per alleviare il dolore, il gonfiore e l’infiammazione dovuti a tendinite.

Artiglio del diavolo è una pianta con ottime proprietà anti-infiammatorie e analgesiche ed è quindi tra i rimedi naturali per alleviare i dolori delle tendiniti, più utilizzati.

Bestseller No. 1
POMATA ARTIGLIO del DIAVOLO FORTE - 100 ml
  • Pomata con estratto secco titolato concentrata 1:4
  • Da secoli è noto che l'Artiglio del Diavolo (Harpagophytum procumbens) applicato nei punti del corpo in cui è presente uno stato di sofferenza, aiuta a lenire il dolore restituendo alle parti interessate una sensazione di benessere che permette di compiere i normali gesti quotidiani senza difficoltà. L'Artiglio del Diavolo unito a Equiseto, Spirea Ulmaria ed un mix di oli essenziali di Garofano Chiodi, Lavanda, Cannella e Zenzero donano al corpo tonicità e vitalità.
Bestseller No. 2
Officinalis Artiglio del Diavolo Gel 90 % contro traumi distorsioni antinfiammatorio Cavalli, 500ml
  • Artiglio del Diavolo Gel 90
  • Contro Traumi distorsioni dolori articolari
  • Gel per Cavalli
Bestseller No. 3
Harpagophytum Bio 400mg - 200 compresse
  • Harpagophytum Bio 400mg 200 compresse
  • Harpagophytum procumbens - Artiglio del diavolo
  • Prodotto da agricoltura biologica

Argilla verde ventilata, per ridurre il gonfiore si devono fare impacchi di con questa importante sostanza, un sistema semplice che aiuta a limitare l’infiammazione.

Bestseller No. 1
Argilla verde ventilata 500 g
  • Argilla verde ventilata attiva 500gr
  • L’argilla verde ventilata attiva grazie agli oligoelementi e ai sali minerali in essa contenuti, è dotata di straordinarie proprietà antiageing, purificanti, tonificanti. Argital, grazie alle sue ricerche, ha trasformato l’argilla verde ventilata in argilla verde ventilata attiva potenziando le qualità intrinseche dell’argilla e rendendo il prodotto di qualità superiore.
  • Argilla verde ventilata attiva 500gr
Bestseller No. 3
ARGITAL argilla verde fine – 2500 gr
  • Funzione protettiva
  • Azioni hidratantes
  • 100% naturale

Arnica montana sotto forma di olio o altro tipo di medicamento da applicare direttamente nella zona colpita per disinfiammare l’articolazione.

Bestseller No. 1
Officinalis Arnica Gel 90%, Gel contro traumi distorsioni, Antinfiammatorio, 500ml
  • Antinfiammatorio, contro distorsioni, traumi
  • Quantità: 500ml
Bestseller No. 2
Gel Arnica 90% Ultra Attivo 100 ml - Forte Azione Lenitiva Efficace contro Contusioni, Ematomi, Dolori Muscolari - Ideale per gli Sportivi - Antinfiammatorio - MADE IN ITALY
  • ✔ GEL ARNICA AL 90% - Gel all'Arnica concentrato al 90% dalle proprietà lenitive a rapido assorbimento, senza lasciare residui ed essere appiccicoso. Ideale per i dolori in generale, particolarmente efficace per contrastare le tensioni muscolari, i dolori articolari, le contratture ed i traumi.
  • ✔ ANTINFIAMMATORIO, DECONGESTIONANTE ED ANTISETTICO - Il Gel Arnica ha un potere antinfiammatorio molto potente, in grado di contrastare efficacemente tutti i problemi derivanti da stati infiammatori locali.
  • ✔ ADATTO AGLI SPORTIVI - Studiata per contrastare e lenire dolori, traumi, stiramenti, contusioni e contratture. Indicata anche come prevenzione degli infortuni e ideale per il massaggio dopo uno sforzo fisico.
Bestseller No. 3

Il ribes nero viene invece utilizzato come tintura madre ha proprietà cortisoniche naturali utili per alleviare il dolore.

Oltre a questi rimedi fitoterapici, si possono fare applicazioni di ghiaccio per sgonfiare l’edema e ridurre l’irritazione. Il riposo, però, resta il principale metodo per migliorare la situazione infiammatoria. I forti dolori dovuti a questa problematica in fase acuta possono diminuire già con un paio di giorni di riposo.

Se vengono rispettate le tempistiche di riposo e viene interrotto il movimento che ha portato all’insorgenza della tendinite, i sintomi scompaiono entro una settimana.

Nel caso in cui, invece, il problema non si risolva o si aggravi, è consigliabile rivolgersi a uno specialista per avere una diagnosi e un programma terapico personalizzato adeguato alla situazione.

Esercizi consigliati

La prevenzione viene prima della cura, per questo consigliamo alcuni semplici esercizi che aiutano a prendersi cura dei tendini e delle articolazioni evitando che si infiammino.

1. In punta di piedi

In piedi mantenendoli vicini, sollevare il corpo mantenendosi sulle punte. Per avere maggiore stabilità ci si può appoggiare a un supporto come il tavolo, la sedia o altro appoggio. Una volta raggiunta la posizione, mantenerla per almeno 5 secondi, abbassare i piedi fino a terra e ripetere l’esercizio per 15 volte.

2. Il finto passo

Un esercizio importante per allungare e rinforzare i tendini delle caviglie è quello del finto passo. La posizione iniziale è in piedi, schiena eretta e ginocchia leggermente flesse.
Portare un piede dietro l’altro ad una distanza di circa 20 cm, come se voleste fare un passo. Ora inclinarsi in avanti fino a sentire muscolo e tendine della gamba, allungarsi. Mantenere la posizione per alimento 15/20 secondi per poi tornare alla posizione di partenza. Ripetere per 3 volte ogni serie.

3. Spalle al muro

Appoggiare entrambe le mani sulla parete facendo attenzione che siano parallele e all’altezza delle spalle. Bisogna fare attenzione a mantenere dal muro una distanza tale da consentirvi di inclinarvi piegando i gomiti come in una flessione. Mantenere la posizione per 15/20 secondi e poi distendere le braccia come in una flessione ma invece che farla a terra si fa in piedi.

4. Scuotere le mani

La posizione di partenza è in piedi con le braccia che ricadono lungo i fianchi. Far dondolare le mani scuotendole per circa 15 secondi. Fermarsi, rilassare le braccia e far riposare gli arti per 20 secondi prima di ripetere l’esercizio. Eseguire per 10 volte la ripetizione.

5. Braccia distese

In piedi con il braccio destro disteso in avanti con il palmo della mano rivolto verso il soffitto. Con la mano sinistra appoggiata sulle dita della destra, eseguire una leggera pressione spingendo le dita in giù.
Continuare per qualche secondo fino a sentire l’allungamento del polso, rilasciare lentamente tornando alla posizione iniziale. Ripetere per 5 volte.

6. Squat su una gamba

Lo scopo di questo particolare movimento è quelli di allungare e rinforzare i quadricipiti del ginocchio in modo da sostenerlo sollecitando meno il tendine. Si può iniziare con una gamba fino a che non si avverte la stanchezza e poi continuare con l’altra facendo attenzione a eseguire lo stesso numero di flessioni da entrambe le parti. Questo per evitare che vi sia disparità nello sviluppo della muscolatura.

Il consiglio è si fare tre serie da 10 ripetizioni per ogni gamba. Dopo ogni ripetizione fare una pausa di 15/20 secondi. È importante che si facciano movimenti lenti e controllati evitando ulteriori traumi alle ginocchia. L’esercizio si deve eseguire partendo da una posizione stabile in piedi, sollevare un piede e piegare l’altro abbassandosi quanto possibile mantenendo la posizione per qualche secondo. Appoggiare l’altro piede a e risalire lentamente. Cambiare gamba e ripetere l’esercizio.

7. Squat classico

Si tratta di un esercizio estremamente utile per alleviare il dolore provocato da quello che è conosciuto come il ginocchio del saltatore. L’obiettivo è rafforzare e tonificare il tendine rotuleo in modo da renderlo maggiormente resistente.

La posizione di partenza è in piedi con le gambe divaricate, flettere le gambe poggiando il peso su quella malata mentre si scende. Per risalire, invece, fare forza sulla gamba sana. La discesa deve essere lenta, una volta in posizione mantenere per 4 secondi e risalire piano piano.

Come eseguire gli esercizi in modo corretto e avere i benefici ricercati? Si deve fare attenzione a come vengono eseguiti i movimenti. Generalmente si deve tener presente che la parte del corpo in cui si è verificata la tendinite è sofferente ed ha già subito un trauma quindi bisogna evitare di arrecargli altro danno. Ogni movimento deve essere lento, misurato e controllato per riuscire a raggiungere l’obiettivo nel miglior tempo possibile.

Gli esercizi fisici devono essere eseguiti in orario diurno e aiutano a prevenire la tendinite oltre ad alleviare i disturbi di un’infiammazione già presente. Si tratta di movimenti che consentono, inoltre, di restituire elasticità e vigore ai muscoli e tendini che non alleniamo spesso.

La massa muscolare, con il passare del tempo, tende ad atrofizzarsi e logorarsi perciò fare movimento e tenere i muscoli allenati è la cosa migliore per evitare problemi fisici soprattutto con l’avanzare dell’età.

Inoltre si consiglia di seguire uno stile di vita sana con poco o nessuno stress evitando di prendere abitudini posturali che possano portare lesioni ai tendini e alle articolazioni.

Una leggera attività fisica come, ad esempio, una passeggiata quotidiana di almeno 30 minuti, è un ottimo metodo per mantenere il fisico sano prevenendo tensioni e infiammazioni dei tendini e articolazioni.

Attrezzi per lo Squat