Artralgia al polso: trattamenti, cure, rimedi

Con il termine “artralgia” ci si riferisce ad sintomi dolorosi che colpiscono le articolazioni. Se il fastidio insorge nell’area anatomica che connette il braccio con la mano, è detto “artralgia del polso“. A lamentare tale problematica non sono soltanto gli anziani, questo perché alla base del dolore vi possono essere numerose cause. Dai traumi alle infezioni, dalla flogosi alle tendiniti, dalla gotta alle reazioni allergiche.

Artralgia al polso

Artralgia al polso

Artrite, artrosi ed artralgia del polso

Nel linguaggio comune si tendono a confondere termini quali artrite, artrosi ed artralgia. Come premesso, tuttavia, l’altralgia del polso è soltanto il nome dato al dolore che colpisce il polso. Non da indicazioni sulle problematiche sottostanti, non ne chiarisce l’intensità, non ne delinea la durata nè l’eventuale periodicità.

Se il fastidio dipende da uno stato di flogosi, che sia acuta o ricorrente, viene detta “artrite”. Se invece alla base vi è un processo degenerativo che colpisce le cartilagini, si parla di “artrosi”. Nel primo caso, impacchi di acqua fredda possono offrire un rapido sollievo, oltre a ridurre sensibilmente gonfiori e rossori. Nel secondo, invece, sono più indicate le cure termali e le creme ad effetto riscaldante.

Sintomi principali dell’artralgia del polso

L’artralgia del polso è contraddistinta da sintomi ben precisi, che possono essere più o meno invalidanti. In base alla patologia sottostante, il quadro sintomatologico può arricchirsi di svariati elementi, fondamentali per una corretta diagnosi. Prima di tutto, è importante valutare se movimento e riposo sono fattori esacerbanti o attenuanti. Bisogna poi distinguere tra dolore articolare, quindi interno, e periarticolare, ossia proveniente da strutture anatomiche vicine (tendini, legamenti, muscoli, capsule, membrane, borse). In linea generale, nell’artralgia sono riscontrabili:

        • Rigidità articolare
        • Dolore tra ulna, radio, scafoide ed ossa carpali
        • Ridotta mobilità dell’articolazione
        • Eritema (talvolta)
        • Gonfiore ed accumulo di liquido sinoviale

Se la causa dell’artralgia è l’artrite, è possibile sentire anche dei fastidiosi scricchiolii durante i movimenti.

Fattori di rischio e patologie associate

Il dolore al polso può insorgere sia in seguito a traumi meccanici che in modo brusco ed imprevedibile. In entrambi i casi può avere carattere intermittente, transitorio, acuto o persistente, elementi che danno l’idea della gravità e della necessità di consultare uno specialista.

Va detto che i fattori di rischio, che predispongono all’artralgia del polso, sono tanti, alcuni dei quali perfettamente controllabili. Tralasciando la senilità, che comporta una fisiologica degenerazione delle cartilagini articolari, vi sono l’obesità, le infezioni virali, le lussazioni, le infezioni batteriche, alcuni sport (tennis, golf), i malfunzionamenti del sistema immunitario e le alterazioni metaboliche. Patologie come l’ipotiroidismo, causando un rigonfiamento tissutale, possono comprimere il nervo mediano e causare la sindrome del tunnel carpale, con conseguente dolore. Un’alimentazione sbilanciata, capace di provocare un accumulo di acido urico, può condurre alla gotta, che tra le varie manifestazioni presenta proprio l’artralgia. Vanno infine menzionati il lupus eritematoso sistemico, le neoplasie ossee, la psoriasi, la sclerodermia, il morbo di Dupuytren e le vasculiti.

Come si esegue la diagnosi

Chi lamenta dolore al polso, si sottopone in primis ad una visita ortopedica. Il dottore osserva attentamente la cute, dopo la quale può decidere di rilevare la temperatura corporea e procedere all’auscultazione cardiaca. Si passa quindi all’esame muscolo-scheletrico, necessario a discernere l’artralgia interna da quella periarticolare.

Il dolore, infatti, può essere evocato muovendo il polso sia in modo attivo che passivo, ma anche operando delle precise compressioni. Se la problematica è circoscritta, vengono richieste radiografie, risonanze magnetiche e qualche volta anche la TAC. Se vi è il dubbio che gonfiori ed arrossamenti possano celare altro, si propende per indagini ematiche (VES, uricemia, proteina C reattiva), reuma-test, artrocentesi, biopsie ed artroscopie. L’eventuale scoperta di una patologia sottostante, impone il consulto con un secondo specialista (reumatologo, endocrinologo, ginecologo, geriatra, immunologo ecc.).

Prodotti utili per alleviare il dolore

Integratore per la gestione del dolore

Crema Cannabis EXTRA FORTE

Terapia Onde d'Urto

🔥 NOVITA' 🔥 - Tecarterapia

CannabisVital Oil

Artiglio del Diavolo e Arnica forte

Rimedi casalinghi contro il dolore al polso

Nella stragrande maggioranza dei casi, il dolore al polso origina da un’infiammazione acuta o un urto di poco conto. Trattandosi di episodi sporadici, è consigliabile procedere con impacchi di acqua fredda oppure acquistare una crema in farmacia.

Attenzione però che l’artralgia non sparisce istantaneamente, può attenuarsi nel giro di qualche ora o richiedere alcuni giorni. Pur non potendo invertire la degenerazione di ossa e cartilagini, i rimedi casalinghi funzionano anche in caso di osteoartrosi.

In questo campo vengono impiegati gli unguenti riscaldanti, i fanghi termali ed i bagni caldi, ma sono perfette persino le più comuni borse termiche.

Bestseller No. 1
Pro Active Muscle - 500 ml Pomata Antinfiammatoria Forte, Gel Riscaldante Effetto Antidolorifico con Principi Attivi Naturali - per Dolori Articolari e Muscolari
  • EFFETTO RISCALDANTE INTENSIVO PER MUSCOLI O ARTICOLAZIONI| Per dolori articolari, dolori muscolari, mal di schiena, rilassamento muscolare riposante | PRIMA E DOPO L'APPLICAZIONE MUSCOLARE | favorisce la guarigione di disturbi acuti o cronici.
  • PRIMA E DOPO L'APPLICAZIONE MUSCOLARE | favorisce la guarigione di disturbi acuti o cronici.
  • IL GEL MUSCOLARE CON PRINCIPI ATTIVI OTTIMALMENTE DOSATI | Principi attivi naturali come foglie di vite, ippocastano, melissa, camomilla, finocchio e altri forniscono la circolazione sanginea nel tessuto muscolari

Chi non dispone di tali soluzioni, può sempre optare per i cuscinetti ripieni con noccioli di ciliegia, economici, versatili ed ecologici. Questi dispositivi, infatti, rilasciano sia freschezza che calura secondo le proprie necessità.

Bestseller No. 1
Cuscino Termico con Noccioli di Ciliegio | Ideale per Lenire il Dolore Cervicale, alla Schiena, alla Nuca, il Mal di Pancia e i Dolori Muscolari | Scaldare in Forno a Microonde o Tradizionale
  • 🍒 BENEFICI - i Noccioli riscaldati rilasciano un calore secco che è particolarmente indicato nel trattamento di Dolori articolari, Cervicali, Torcicollo, Coliche e dolori alla zona Lombare, mal di schiena e di Pancia
  • 🍒 BORSA DELL’ACQUA CALDA ASCIUTTA - un Calore naturale piacevolissimo - il nostro cuscino è di ottima qualità, fabbricato in Germania secondo standard di produzione molto rigorosi. Può essere utilizzato anche con Bambini e Neonati
  • 🍒 USO CALDO - scaldarlo nel forno a microonde per circa 2-3 minuti a 300-400 Watt o nel forno tradizionale a 130°C per circa 5-6 minuti

Antinfiammatori, antidolorifici e trattamenti ambulatoriali

Intercettata la reale causa dell’artralgia al polso, l’ortopedico stabilisce la terapia, che può essere ripetuta ciclicamente più volte all’anno. In genere vengono prescritti antinfiammatori, antidolorifici e tutori, ma ad essere fondamentali sono principalmente il riposo e la fisioterapia.

Bestseller No. 1
VITTO Tutore Polso - Polsiera per Sollievo dal Dolore per Tunnel Carpale, Slogature, Tendinite e Artrite (Pro, Destra S/M)
  • Supporto per il polso per ridurre il dolore da RSI, sindrome del tunnel carpale, fratture del polso, distorsioni del polso, lesioni da sforzi ripetitivi o artrite reumatoide
  • Tutore da polso con stecca metallica rimovibile per correggere la posizione del polso senza danni alla circolazione sanguigna - progettata secondo la struttura della mano umana.
  • La stecca da polso regolabile con due cinturini e velcro fornisce una doppia protezione per mantenere la mano immobile e impedire che la piastra d'acciaio scivoli.

Qualora i bendaggi compressivi, i FANS e l’applicazione di ghiaccio non riducano i fastidi, si eseguono infiltrazioni di corticosteroidi e di acido ialuronico.

I corticosteroidi vengono chiamati in causa se il danno cartilagineo è imponente e vi è una palese artrosi. Purtroppo sono note parecchie controindicazioni all’impiego di cortisone, perciò non tutti i candidati possono beneficiare di questi trattamenti ambulatoriali. Tra gli esclusi figurano i diabetici, gli immunodepressi, chi segue terapia anticoagulante è chi è affetto da severa osteoporosi.

In alternativa, si possono prendere in considerazione le infiltrazioni di acido ialuronico, tendenzialmente ben tollerate, poiché questa sostanza è naturalmente presente nelle cartilagini, dove svolge un duplice ruolo lubrificante e nutritivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *