Alimentazione e Dieta consigliata per la Fibromialgia

La Fibromialgia richiede una dieta e un’alimentazione precisa e ben delineata, con pochi elementi nutrizionali. Ma quali sono?

Alimentazione per la Fibromialgia

L’alimentazione per quel che riguarda l’essere umano è qualcosa di molto importante: questo ancora di più se ci si riferisce a qualcuno con la Fibromialgia. Questo proprio perché la Fibromialgia ha bisogno di essere combattuta anche attraverso la nutrizione e la buona alimentazione.

L’alimentazione aiuta infatti a rendere forti e vigorosi e può aiutare a mantenere saldo il tono muscolare.

Alcuni alimenti poi aiutano a combattere la malattia, mentre altri sostengono e permettono di contrastarla in egual misura e come se fossero dei veri e propri medicinali invece è solamente cibo. Gli alimenti da assumere sono prettamente freschi, privi di conservanti alcuni e non trattati.

Se si seguono questi consigli la Fibromialgia la si combatte mangiando bene e in condizioni ottime. È pur vero che ci si trova di fronte ad un regime alimentare privo di sgarri e alquanto povero a livello culinario ma è ottimo per ridurre i vari disagi che comporta la Fibromialgia.

È consigliato di farsi seguire da un nutrizionista o un esperto del settore che vi potrà aiutare certamente nella riuscita del percorso ma non solo. Solo un professionista vi fornirà e sarà quindi in grado di stilare una dieta adatta alla persona in questione, seguendo le vostre necessità e i vostri gusti personali.

Cosa si deve mangiare in una dieta per la Fibromialgia?

Il vero punto della questione è cosa si deve mangiare in una dieta appositamente pensata per la Fibromialgia?

È opportuno sapere che ci sono degli alimenti consigliati e che se si mangiano ci consentono di stare in forma e di sentirci bene.

In primo luogo è necessario dire che bisogna cercare di prediligere i cibi freschi rispetto a quelli confezionati quindi non si potrebbe mangiare cose in busta o piatti pronti per intenderci. No a tutti i cibi che si conservano necessariamente per tanti giorni.

È consigliato di prendere per esempio il latte fresco piuttosto che il latte a lunga conservazione o in alternativa il latte di capra. Si preferisce la pasta fresca o integrale a quella in scatola e i sughi da fare in casa. Quindi si deve sottolineare che i condimenti sono ammessi a patto che siamo freschi.

Stesso discorso vale per la carne, le uova e il pesce. Tutti questi alimenti devono essere freschi per non far incorrere in inconvenienti.

Per una dieta sana che combatte la Fibromialgia di consiglia di abbinare cibi proteici a cibi contenenti pochi zuccheri o quasi nulli così da poter mangiare bene tutti i giorni. D’altro canto si eliminano i cibi zuccherati come anche le bevande e si lascia spazio a the e infusi di vario genere perché drenanti e facente bene all’organismo.

Chi è affetto da Fibromialgia necessita infatti di depurarsi frequentemente e soprattutto in vista degli esami, non ha bisogno e non deve avere redenzione idrica e altre problematiche che potrebbero far galoppare la malattia. I cibi oltretutto devono essere sempre ben cotti e anche i salumi necessitano di cure particolari al momento della preparazione.

In linea generale sono consigliati i cibi poveri di elementi composti al loro interno e l’acqua, ma solo quella naturale o leggermente frizzante.

Quella frizzante è sconsigliata perchè eccessiva e contenente troppi gas che possono provocare inconvenienti all’intestino. Tra i cibi consigliati troviamo anche gli hamburger di pollo, molto leggeri e facili da digerire e le verdure da sminuzzare come l’insalata e le zucchine, ottime da frullare e da rendere fluide. La frutta è ampiamente consigliata.

Cibi da evitare per la Fibromialgia

La dieta mediterranea acconsente a tutto ciò che è fritto, pieno di olio e zuccherato solo una volta alla settimana. La Fibromialgia proprio no. Per far in modo di seguire una dieta corretta e un’alimentazione adeguata bisogna seguire la retta via e evitare alcuni cibi, soprattutto se questi ultimi vanno ad aumentare esponenzialmente la pericolosità della Fibromialgia, anche se siamo ai primi stadi.

Se la prima volta che si è andati dal medico ci è stato consigliato di mangiare meno sale e zucchero vuol dire che già siamo un passo in avanti rispetto a ciò che dovreste fare in caso di Fibromialgia.

In relazione ai cibi che non si devono mangiare ci sono dei cibi particolari che sono sconsigliati. Gli alimenti come i peperoni, le melanzane e i pomodori ad esempio sono da evitare come anche le patate; la pasta e il pane e anche tutti gli alimenti che contengono la proteina del latte sono da evitare. Rientrano in quest’ultima categoria la mozzarella, qualsiasi tipo, il latte a lunga conservazione e tutti i formaggi.

Per quel che riguarda la carne è da evitare quella al sangue e quella rossa. Principalmente perché hanno troppi contenuti al loro interno ed è consigliata la carne bianca quindi quella di pollo e coniglio. Per i condimenti sono presi in considerazione tutti quelli base della cucina mediterranea e non quelli complessi come quelli con uova, pomodoro e pancetta.

Sono ben accetti condimenti come olio, pesto, sugo bollito e panna senza lattosio.

Altri cibi da evitare o perlomeno bevande sono il vino e la birra.

Tralasciando il fine alcolico di queste bevande sono comunque trattate e zuccherate. A tal proposito sono sconsigliati anche le bevande analcoliche e anche le bibite gasate soprattutto se contenenti zuccheri alti e composti come il saccarosio. Sono vietati anche salatini, popcorn e patatine ad eccezione di quelli cotti in pentola.

Da non assumere anche le salse perché artificialmente trattate.

La cosa da ricordare è che seppure questi alimenti sono sconsigliati è possibile mangiarli di tanto in tanto ma senza eccedere. Se lo si preferisce si può mangiare uno solo di questi alimenti una volta la settimana.

Prodotti per alleviare il dolore

Integratore per dolori

Crema Cannabis EXTRA FORTE

Terapia Onde d'Urto

 NOVITA'  - Tecarterapia

CannabisVital Oil

Artiglio del Diavolo e Arnica forte

TI POTREBBE ESSERE UTILE: Terapia consigliata per la Fibromialgia

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono pubblicate a scopo esclusivamente informativo: non possono sostituirsi o integrare la diagnosi svolta dal medico. Tutte le informazioni non devono essere in alcun modo considerate come alternative alla diagnosi del medico curante, né tantomeno essere confuse e/o scambiate con la prescrizione di trattamenti e terapie. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. I prodotti sono recensiti a scopo informativo: non è possibile in nessun modo garantire risultati certi, le possibilità di riuscita di qualsiasi trattamento variano da paziente a paziente. Leggi il Disclaimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *